Eclisse

120 mq ristrutturati: la luce valorizza gli spazi

  • progetto villa sarano con porte eclisse

Un progetto moderno e funzionale

La luce può cambiare il volto di un’abitazione, valorizzare l’ambiente, acquistare anche più valore degli elementi di arredo nella definizione dello stile. Un esempio concreto arriva da Sarano, periferia di Conegliano in provincia di Treviso. In questa zona si trova un complesso residenziale di recente costruzione che conta dieci appartamenti, tutti in classe energetica A. Uno di questi è stato acquistato da una giovane coppia che cercava una casa in grado di offrire un buon livello di comfort a fronte di ridotti consumi energetici; una casa, in altre parole, capace di proteggere dal freddo durante la stagione invernale e dal caldo durante quella estiva, permettendo di contenere le spese e allo stesso tempo dare un contributo concreto all’azione di tutela dell’ambiente. La coppia, che ha un figlio di soli due anni, ha optato per un layout progettuale estremamente funzionale, razionale ed efficace, basato innanzi tutto su una perfetta distribuzione degli spazi interni. La metratura medio-grande (120 mq) è a misura di famiglia e si traduce in un’ottima vivibilità. La zona living è aperta e dà sul terrazzo, di conseguenza risulta particolarmente luminosa. Lungo il corridoio si trovano due bagni, di cui uno a uso esclusivo della camera da letto matrimoniale.

  • villa provincia treviso

Colori chiari e stile minimalista

Dopo aver acquistato uno dei dieci appartamenti che compongono il complesso residenziale a Sarano, la giovane coppia ha analizzato con cura il progetto sulla carta e deciso di rivoluzionarlo in modo che la luce diventasse protagonista. E la luce, si sa, non solo dà la sensazione di ampliare gli ambienti ma dona anche un tocco di classe senza eguali. I pavimenti, inizialmente in rovere scuro, sono stati sostituiti dal più chiaro rovere naturale; anche per quanto riguarda le piastrelle e i sanitari la decisione è stata quella di prediligere nuance più chiare rispetto all’idea originaria. Il living, che affaccia sul terrazzo, si caratterizza per uno stile che potremmo definire neoromantico, in gran parte minimalista: prevalgono le linee contemporanee e squadrate e il total white della cucina e delle pareti, tuttavia il risultato finale è movimentato da qualche elemento più classico, di ispirazione chiaramente provenzale, come il tavolo e i lampadari.

  • porta scorrevole eclisse syntesis line

I sistemi Eclisse Syntesis Line scorrevole

La ristrutturazione dell’appartamento è coincisa anche con la decisione di rivoluzionare completamente la suddivisione degli ambienti. I proprietari hanno scelto di eliminare le porte a battente, figlie della tradizione, e sostituirle con cinque sistemi Eclisse Syntesis Line scorrevole, privi di finiture esterne ovvero di stipiti e coprifili; perfetti per chi ama il minimalismo e l’arredo per sottrazione. Il controtelaio include elementi e dettagli costruttivi che, verniciati dello stesso colore della parete o decorati nello stesso modo, risultano completamente invisibili e “mimetizzati”. Soltanto in un posto non c’era abbastanza spazio per inserire un controtelaio e proprio là è stato quindi installato un modello a battente filomuro Syntesis Line battente, anch’esso senza stipiti e cornici coprifilo.

  • controtelaio per porta a scomparsa eclisse

Una soluzione sicura e silenziosa

Le aperture scorrevoli hanno un ingombro ridotto, migliorano l’agibilità degli ambienti ed esaudiscono il diffuso desiderio di non sentire “sbattere le porte”. Nel vero senso della parola. Tutti i sistemi Eclisse scelti per la ristrutturazione dell’appartamento sono stati infatti accessoriati con l’ammortizzatore BIASTM che, essendo completamente integrato all’interno del binario, risulta invisibile dall’esterno ed è dotato di un pistone ad olio che rallenta e accompagna dolcemente la porta in fase di chiusura. In tal modo il movimento risulta assolutamente fluido e silenzioso. Non solo. Anche il piccolo Lorenzo, figlio della coppia, riesce ad aprire le porte pur non arrivando ancora all’altezza della maniglia, senza correre il rischio di schiacciarsi le dita quando le chiude.